Giovanni Orlando Guida Alpina UIAGM

Pale dei Balconi – El Cor di San Lucano

12
Luglio, 2019
Il Cor di San Lucano è un vero e proprio gioiello della Natura: una finestra naturale di roccia a forma di cuore che domina incontrastata tutto l'Agordino, dagli arditi dirupi delle Pale di San Lucano. Raggiungerlo non è semplice: la salita è lunga, l’ambiente attorno è severo, per lunghi tratti non ci sono sentieri ma solo sporadiche tracce di passaggio. Ma questo è il prezzo da pagare per godere di un luogo e di un panorama unico in tutte le Dolomiti!

Le Pale di San Lucano sono un gruppo montuoso tra i più selvaggi ed austeri delle Dolomiti. Tra queste cime, alla fine della Valle di San Lucano, si ergono le Pale dei Balconi, talmente ripide che non è possibile raggiungere la loro cima mediante dei sentieri. Bisogna per forza arrampicarsi, camminare su prati molto ripidi, cercare passo dopo passo il passaggio più facile per guadagnare la cima. Racchiuso tra le pieghe di queste montagne, a perpendicolo sulla vallata sottostante, è racchiuso il bellissimo Cor di San Lucano, un autentico diamante incastonato in uno scenario da favola.

Sono le 7 quando io e Erica ci avviamo sul sentiero 756 che da Capanna Cima Comelle ci porterà, dopo poco meno di 500mt di dislivello, a Casera Campigat. Il sentiero, facile e ben battuto, ci porta alla casera dove ci fermiamo a sorseggiare l’acqua fresca e limpida che sgorga dalla fontana. Il panorama attorno a noi è magnifico. Di fronte a noi si erge maestosa la parete occidentale della Cima dei Balconi, che svetta verso il cielo. È proprio in prossimità di questa cresta che si nasconde il Cor di San Lucano.

Casera Campigat

L’arrivo a Casera Campigat

La parete occidentale della Cima dei Balconi. Il Cor si trova in prossimità della cresta che si staglia verso il cielo

La parete occidentale della Cima dei Balconi. Il Cor si trova in prossimità della cresta che si staglia verso il cielo

Ripreso il cammino, arriviamo in corrispondenza di una netta svolta del sentiero che prosegue verso Campo Boaro. Qui un piccolo ometto ed una labile traccia ci indica che dobbiamo continuare dritti. Dopo pochi minuti arriviamo all’inizio delle difficoltà. Indossiamo il casco e l’imbrago, ci leghiamo con la corda e cominciamo a scendere un ripido canale decisamente franoso. Ci fermiamo in prossimità di un salto verticale, dove pianto un chiodo nella roccia e calo Erica con la corda fino a dove il terreno è più facile. Poco dopo la seguo disarrampicando con attenzione. In alcuni punti c’è ancora della neve residua dello scorso inverno che ci obbliga ad alcune, divertenti, contorsioni.

In discesa lungo il canale

In discesa lungo il canale

Simpatici residui di neve

Residui di neve

Velocemente raggiungiamo la base del canale e, indossati un paio di ramponcini, attraversiamo un nevaio. Arriviamo così alla base vera e propria della parete che dovremo salire. La prima parte è abbastanza facile: si tratta semplicemente di seguire alcune tracce (occhio a non seguire le tracce degli animali, qui molto numerose…), su un ripido pendio. Alcune volte appoggiamo le mani a terra, ma è questione di poco. Raggiungiamo successivamente una zona più abbattuta, che ci permette di camminare agevolmente.

 

–>SE VUOI ANCHE TU VIVERE LE INTENSE EMOZIONI CHE HO VISSUTO CON ERICA, CLICCA QUI E SCOPRI LA MIA PROPOSTA<–

Durante la salita

Durante la salita

L'ambiente che ci circonda è semplicemente fantastico: dite che ci stiamo divertendo?

L’ambiente che ci circonda è semplicemente fantastico: dite che ci stiamo divertendo?

Arriviamo quindi alla base di una ripida parete rocciosa e seguiamo verso sinistra una cengia, che ci porta in una porzione di parete meno ripida. Qui cominciamo la scalata vera e propria. Non essendo una parete completamente verticale, la scalata non è molto difficile (I-II grado). Anzi, alle volte è più una camminata su un pendio molto ripido, dove le mani vengono usate più per l’equilibrio. Di tanto in tanto, si alternano dei brevi passaggi di arrampicata. Più che le capacità tecniche, in questo terreno è importante avere una buona esperienza in questo tipo di percorsi, per trovare di volta in volta il passaggio più facile e con la roccia migliore. Ci fermiamo spesso ad ammirare il panorama attorno a noi, semplicemente fantastico. Un po’ alla volta saliamo di quota e vediamo casera Campigat diventare sempre più piccola… e pensare che solo poche ore fa stavamo sorseggiando la sua fresca acqua! Verso metà parete ci fermiamo su un piccolo prato per riposarci. Una piccola oasi di verde nel bel mezzo di una parete rocciosa è un inaspettato regalo!

Sulla parte alta della salita. In corrispondenza della neve, si vede anche il canale franoso con cui inizia la parte alpinistica

Sulla parte alta della salita. In corrispondenza della neve, si vede anche il canale franoso con cui inizia la parte alpinistica 

Casera Campigat vista dall'alto. In fondo spunta la parete d'Argento, così chiamata la parete sud della Marmolada

Casera Campigat vista dall’alto. In fondo spunta la parete d’Argento, come vienechiamata la parete sud della Marmolada

Riprendiamo la scalata, che ora si fa più impegnativa. I passaggi non sono mai difficili ma sempre più continui. Anche l’esposizione comincia ad aumentare. Mi giro spesso per aiutare  Erica a salire, assicurandola con la corda e suggerendole quali appigli ed appoggi utilizzare. Ogni volta mi guarda con un bellissimo sorriso e gli occhi pieni di contentezza. Non occorre che le domando come stia o come sta andando, il suo volto parla da sè! La fatica comincia a farsi sentire, ma la cresta è sempre più vicina. Con un ultimo, breve traverso verso sinistra la raggiungiamo. Il Cor di San Lucano, che fino a pochi metri fa era invisibile, ora si mostra in tutta la sua bellezza e magnificenza. Lo spettacolo è semplicemente meraviglioso! 

Ecco finalmente spuntare  il Cor di San Lucano dietro la cresta

Ecco finalmente spuntare  il Cor di San Lucano dietro la cresta. Dietro svetta la possente mole dell’Agner.

Una schiera di montagne si erge davanti a noi. In un attimo, tutta la fatica fatta svanisce e rimane solo la gioia. Nessun rumore, nessun disturbo, solo noi e la montagna. Siamo semplicemente incantati dalla bellezza che ci circonda. L’Agner si staglia davanti a noi in tutta la sua possenza, la cima del Focobon e quella di Campido sono alle nostre spalle; in lontananza spunta anche la parete sud della Marmolada, la parete d’Argento. Una miriade di altre cime si stagliano all’orizzonte.

La stretta cresta in prossimità del Cor di San Lucano

La stretta cresta in prossimità del Cor di San Lucano

Erica e il Cor di San Lucano

Erica e il Cor di San Lucano

Dopo una mezz’oretta ci rimettiamo in marcia: siamo solo a metà del nostro giro e la macchina è mille metri più in basso! Proseguiamo lungo la cresta, ora affilata, che con dei passaggi esposti di semplice arrampicata ci porta in cima ad una piccola cima. Per sicurezza, procediamo sempre legati alla corda. Continuiamo a seguire la cresta, che alterna parti di camminata ad altre di arrampicata. L’esposizione è ancora molta ed è richiesta concentrazione. Via via che procediamo le difficoltà diminuiscono ed è sempre più chiaro che stiamo terminando la parte di arrampicata.

Panorama sempre di prim'ordine!

Panorama sempre di prim’ordine anche nella seconda parte della cresta!

Lasciato alle spalle il Cor di San Lucano si continua verso l'Altopiano delle Pale di San Martino

Lasciato alle spalle il Cor di San Lucano si continua verso l’Altopiano delle Pale di San Martino

Raggiungiamo infine un bellissimo prato pianeggiante. Ormai le difficoltà tecniche le abbiamo lasciate alle spalle. Con un’ultima breve risalita raggiungiamo l’altopiano delle Pale di San Martino ed il sentiero 776 che seguiamo in discesa. Attraversiamo il Campo Boaro fino a ritornare a casera Campigat, dove non può mancare una sorsata di acqua della sua fontana!

Siamo molto soddisfatti e felici di questa bellissima giornata. Ci voltiamo spesso ad ammirare la parete salita, rivivendo tutte le emozioni vissute in questa avventura. Non resta che avviarci verso capanna Cima Comelle, per sorseggiare una bella birra fresca. Direi che oggi ce la siamo proprio guadagnata!

 

–>SE VUOI ANCHE TU VIVERE LE INTENSE EMOZIONI CHE HO VISSUTO CON ERICA, CLICCA QUI E SCOPRI LA MIA PROPOSTA<–

 

Non solo i panorami sono bellissimi, anche i particolari!

Non solo i panorami sono bellissimi, anche i particolari!

Ultima cima prima della lunga discesa a valle

Ultima cima prima della lunga discesa a valle

Spettacolare vista sulle Pale di San Martino

Spettacolare vista sulle Pale di San Martino

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche:

Punta Penia Marmolada – ferrata Cresta Ovest

La ferrata della cresta Ovest permette di raggiungere i 3.343 mt di Punta Penia, la cima più alta della Marmolada e di tutte le Dolomiti. È una ferrata lunga, a cui si aggiunge la difficoltà data dall’aria sottile dell’alta quota (siamo oltre i 3.000mt di quota!) ed in cui spesso si può trovare neve e ghiaccio anche in piena estate. Ma di contro, le emozioni che si possono vivere lungo questa via ferrata sono assolutamente uniche! La discesa avviene tipicamente lungo il ghiacciaio della Marmolada, il più esteso delle Dolomiti, ed è la ciliegina sulla torta di una giornata memorabile!

Cervino – cresta Furggen

Cervino: la Montagna perfetta. Severa, imponente ed austera svetta dai placidi prati di Cervinia e Zermatt. Lungo le sue creste e le sue pareti sono state scritte pagine indelebili ed eroiche dell’Alpinismo. Delle quattro creste che arrivano in cima al Cervino (cresta di Furggen, cresta del Leone, cresta dell’Hornli -o Hörnli- e cresta di Zmutt), la prima è sicuramente la più impegnativa.
La via della Diretta degli Strapiombi ne ricalca a grandi linee lo spigolo, districandosi tra strapiombi, traversi esposti e roccia non sempre salda. Una grande avventura per respirare appieno lo spirito rude ed ostico di questa bellissima montagna.

Monviso parete nord: Canalone Coolidge

Alla costante ricerca di qualche bella salita tra le Alpi, mi imbatto nella relazione della via al canalone Coolidge alla parete Nord del Monviso. Una via molto bella, racchiusa in una tra le pareti più alte di tutte le Alpi, dove si respira appieno il profumo di Alpinismo e di grandi pareti. Arrivati in cima, si è solo a metà della giornata: si scende seguendo la via normale, tecnica, lunga e di orientamento non facile, visto la morfologia molto complessa del versante su cui si svolge. Ci sono tutti gli ingredienti per una Avventura con la A maiuscola!

Pin It on Pinterest

Share This

CONDIVIDI

Se ti è piaciuto questo racconto, condividilo con i tuoi amici!