Giovanni Orlando Guida Alpina UIAGM

Punta Grohmann – via Dimai

23
Ottobre, 2019
La Punta Grohmann svetta imperiosa dai verdeggianti prati del passo Sella, accanto al vicino, maestoso Sassolungo ed alle eleganti e turrite Cinque Dita. Quello del Sassolungo, di cui anche le Cinque Dita e la Punta Grohmann ne fanno parte, è, a mio avviso, uno dei più estetici gruppi montuosi delle Dolomiti e il panorama che si ammira dal passo Sella è assolutamente unico. I versanti di Punta Grohmann non sono mai completamente verticali, ma celano pietre miliari dell’arrampicata in Dolomiti. Una di queste è sicuramente la via Dimai, una via aperta nel 1908 dalla guida alpina Antonio Dimai con Johann Summermatter e la baronesse sorelle Ilona e Rolanda von Eötvös. Percorrerla via regalerà una giornata stupenda ed avventurosa in una delle più belle cornici delle Dolomiti.

Sono già salito più volte sulla piatta cima di Punta Grohmann, sia lungo la via Dimai che lungo la via normale. Ho ricordi molto belli di tutte le giornate vissute, così propongo a Federico di ripercorrere la sempre stupenda via Dimai, una via di arrampicata in Dolomiti di media difficoltà ma dal carattere decisamente alpinistico. L’appuntamento è per una fresca mattina di fine ottobre, con i versanti all’ombra già ricoperti dalla prima neve.

L’avvicinamento dal Passo Sella

Il cielo è terso, di un blu intenso, tipico dei mesi più freddi dell’anno. “Ormai l’inverno è alle porte”, penso tra me e me e mi immagino già le prime scivolate leggere e veloci sulla neve soffice. Percorriamo il sentiero di accesso ammirando l’incredibile bellezza dell’ambiente circostante. Qualche passaggio più ripido rende la cosa ancora più interessante.

Punta Grohmann – via Dimai: Lo spettacolo del gruppo del Sassolungo come ci appare dal Passo Sella. Da sinistra a destra: Punta Grohmann (quella che saliremo), Forcella Cinque Dita, Cinque Dita, forcella Sassolungo con Rifugio Toni Demetz, Sassolungo
Lo spettacolo del gruppo del Sassolungo come ci appare dal Passo Sella. Da sinistra a destra: Punta Grohmann (quella che saliremo), Forcella Cinque Dita, Cinque Dita, forcella Sassolungo con Rifugio Toni Demetz, Sassolungo
Punta Grohmann – via Dimai: Brevi passaggi di roccette per raggiungere l'attacco
Brevi passaggi di roccette per raggiungere l’attacco

via Dimai alla Punta Grohmann

Velocemente raggiungiamo l’attacco, ci prepariamo ed attacchiamo le prime, solide placche. In questi primi tiri ci vuole un po’ di intuito per trovare le soste: le solide placche appoggiate non hanno molti punti di riferimento e lungo i tiri ci sono pochi chiodi.

Dal quarto tiro attraversiamo decisamente verso destra, sempre su difficoltà modeste ma con maggiore esposizione. Stiamo infatti superando una parte molto verticale di parete, che Antonio Dimai saggiamente aggirò mediante i precedenti quattro tiri con andamento verso sinistra.
L’ultima sosta del secondo tiro in traverso verso destra è decisamente scomoda ed aerea. Da questa però si può vedere lo sviluppo del successivo, bellissimo, tiro. Dopo una prima parte appoggiata svetta verso l’alto un diedro/fessura verticale di roccia sanissima. La parete sinistra è formata da roccia gialla leggermente strapiombante, mentre la faccia destra è formata da una parete di roccia grigia molto salda e bella da arrampicare. È talmente bello e divertente da scalare che non vedo l’ora di poter mettere le mani su quella porzione di roccia!

Punta Grohmann – via Dimai: Dopo i primi quatttro tiri in traverso ascendente verso sinistra, si comincia a traversare verso destra

Dopo i primi quatttro tiri in traverso ascendente verso sinistra, si comincia a traversare verso destra

Punta Grohmann – via Dimai: L'arrivo alla sosta del sesto tiro, alla fine del traverso verso destra

L’arrivo alla sosta del sesto tiro, alla fine del traverso verso destra

Punta Grohmann – via Dimai: La partenza del settimo tiro, con il bellissimo diedro/fessura (poco visibile sulla sinistra)

La partenza del settimo tiro, con il bellissimo diedro/fessura (poco visibile sulla sinistra)

Punta Grohmann – via Dimai: La prova certa che il settimo tiro è veramente un capolavoro! (foto di una recedente ripetizione della via)

La prova certa che il settimo tiro è veramente un capolavoro! (foto di una recedente ripetizione della via)

Lo scalo velocemente, gustandomi ogni singolo passaggio. Un breve traverso verso destra deposita sulla settima sosta. La via vale solo la bellezza della foto che potrete scattare al vostro/i secondo/i di cordata La scalata bellissima ed elegante, l’ottima roccia, i caldi raggi del sole che ci scaldano le ossa e l’aria frizzantina dell’autunno ci stanno regalando una giornata divertentissima.

L’ottavo tiro è il tiro chiave della salita, soprannominato la Trappola umana. Dopo un traverso verso destra, si segue una rampa stretta verso sinistra, incredibilmente liscia e spiovente. La parete a monte offre pochissimi appigli, per la maggior parte rovesci. Oggi alcuni spit agevolano notevolmente il percorso, vista anche la compattezza della roccia che non accetta alcun altro tipo di protezione.

Ogni volta che percorro questo tratto il mio pensiero non può che correre ad Antonio Dimai. Come avrà potuto superare questo tratto di parete nel 1908? Non aveva di certo le nostre competenze ed i nostri materiali tecnici super performanti! E vogliamo parlare delle baronesse von Eötvös, che all’epoca arrampicavano ancora con delle comodissime gonne che arrivavano alle caviglie? Comunque grazie Antonio, ci hai regalato una lunghezza di corda esposta ed entusiasmante!

Punta Grohmann – via Dimai: La cengia spiovente, superata da Antonio Dimai nel 1908

La cengia spiovente, superata da Antonio Dimai nel 1908

Punta Grohmann – via Dimai: L'inizio del nono tiro
L’inizio del nono tiro

Con i due tiri successivi affrontiamo un lungo camino, a volte più verticale (passi di IV+) e a tratti molto appoggiato. Quando il camino si impenna visibilmente e le difficoltà appaiono decisamente elevate, ci spostiamo verso sinistra ad una grande cengia. Ormai le difficoltà maggiori le abbiamo superate, e non vediamo l’ora di raggiungere la cima da cui potremo ammirare un panorama a 360°. Con quattro tiri non difficili ma sempre su ottima roccia raggiungiamo dapprima un’altra cengia e poi superiamo l’ultimo salto verticale che precede la vetta. Le ultime, semplici, roccette sono un pro-forma che superiamo velocemente.

Punta Grohmann – via Dimai: L'uscita del decimo tiro, prima della grande cengia
L’uscita del decimo tiro, prima della grande cengia
Punta Grohmann – via Dimai: Selfie di vetta. Panirama ne abbiamo?
Selfie di vetta. Panirama ne abbiamo?
Punta Grohmann – via Dimai: Dalla piatta cima di Punta Grohmann si gode di un panorama incredibile
Dalla piatta cima di Punta Grohmann si gode di un panorama incredibile

Finalmente siamo in cima, ed ammiriamo estasiati il panorama che ci circonda. Il cielo terso ci permette di ammirare non solo le Dolomiti anche i lontani ghiacciai austriaci! Ci godiamo il tiepido sole e mangiamo qualcosa.

Discesa lungo la via normale di Punta Grohmann

Anche se non vorremmo mai abbandonare questo posto, ci avviamo lungo la discesa, che segue la via normale in un ambiente grandioso di rara bellezza. Una discesa complicata e non facile ci depositerà alla forcella delle Cinque Dita. Dopo una breve discesa in disarrampicata su terreno non troppo difficile (possibile doppia intermedia) raggiungiamo la cima della Quarta Torre (il versante su cui si svolge la discesa è molto complesso e formato da quattro torrioni principali), da cui ci caliamo con una doppia.

Un altro tratto di disarrampicata, anche qui non difficile ma decisamente esposto, ci permette di raggiungere la prima sosta della serie di calate che ci aspettano. A metà, una doppia obliqua un po’ complicata permette di raggiungere la cima della seconda torre, da cui continuare le calate. Due calate verticali/leggermente strapiombanti permettono di vedere da vicino il camino Enzensperger percorso la prima volta nel 1895 dove corre la via normale. Incredibile come siano riusciti a superare questo tratto (oggi IV grado) all’epoca!

Punta Grohmann – via Dimai: Una delle bellissime corde doppie che si svolgono lungo il grandioso ambiente della via normale a Punta Grohmann
Una delle bellissime corde doppie che si svolgono lungo il grandioso ambiente della via normale a Punta Grohmann

Dopo aver sceso la seconda e la prima torre, arriviamo allo zoccolo e cominciamo a scenderlo con massima attezione. Le rocce sono ricoperte da un sottile strato di neve ghiacciata. Alternando tratti di prudente disarrampicata a corde doppie (vari ancoraggi in loco, ma attenzione a verificare le protezioni ed i collegamenti), poggiamo finalmente i piedi a pochi passi dalla forcella Cinque Dita. Proseguiamo lungo il canalone, a tratti franoso e ripido fino a raggiungere l’ampio ghiaione che cinge queste cime.

Punta Grohmann – via Dimai: In discesa lungo lo zoccolo. Proprio sotto di noi c'è la forcella Cinque Dita
In discesa lungo lo zoccolo. Proprio sotto di noi si vede la forcella Cinque Dita

Ora non resta che raggiungere il sentiero che collega il rifugio Demetz all’hotel passo Sella. Durante il rientro ci voltiamo spesso a guardare le splendide montagne alle nostre spalle e ripercorriamo ogni singolo metro di questa bellissima arrampicata. Ma, ammaliati dalla maestosità delle cime che circondano, i nostri pensieri presto si rivolgono alle prossime avventure che vivremo assieme!

Se ti è piaciuto il racconto, per favore condividilo suoi tuoi canali social oppure lascia un commento qui sotto! È molto importante per me perché mi dà gli stimoli giusti ad arricchire questo blog con avventure sempre nuove!

 Vuoi invece vivere questa avventura accompagnato da una Guida Alpina? Contattami!

 

 

 

 

2 Commenti

  1. Federico

    Mentre leggevo il racconto ripercorrevo con la memoria quella bella giornata… Mi è sembrato di ritornare sulla via! Grande Giovanni! Alla prossima scalata

    Rispondi
    • Giovanni Orlando

      Non avrei potuto ricevere commento più bello. Grazie mille Fede! A presto!!!

      Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche:

Pala di San Martino – Gran Pilastro (Langes-Merlet)

È impossibile non notare da San Martino di Castrozza la mole imponente della Pala di San Martino. Slanciata si eleva verso il cielo, elegante e bellissima. Qui, nel 1920, Langes e Merlet tracciarono un vero e proprio capolavoro. La via di arrampicata Langes-Merlet infatti risale con logica impeccabile il poderoso Pilastro della Pala di San Martino, con difficoltà contenute (III-IV grado UIAA) e su roccia ottima. Una salita per chi non cerca le alte difficoltà tecniche, ma che vuole vivere due giornate intense di arrampicata che ha il sapore dell’Alpinismo dei tempi andati.

RIMANIAMO IN CONTATTO

RIMANIAMO IN CONTATTO

Iscriviti alla newsletter per non perderti racconti, aggiornamenti e programmi!

Privacy

You have Successfully Subscribed!

Pin It on Pinterest

Share This

CONDIVIDI

Se ti è piaciuto questo racconto, condividilo con i tuoi amici!